Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Reumabase.it

Ulteriori approfondimenti sulla patogenesi di iperparatiroidismo primario


La patogenesi del iperparatiroidismo primario ( PHPT ) è in gran parte sconosciuta.
Uno studio ha accertato i livelli plasmatici di calcio, PTH e di 25-idrossivitamina D ( 25OHD ), misurati prima di una diagnosi clinica di iperparatiroidismo primario.

All’interno di tre coorti di popolazione, sono stati identificati i partecipanti con diagnosi di iperparatiroidismo primario dopo la loro inclusione.
I casi ( n=117 ) sono stati confrontati con controlli abbinati per età, sesso e periodo ( n=233 ).

Il tempo dall’inclusione nello studio fino a una diagnosi di iperparatiroidismo primario è stato in media 5.6 anni.
Era stata effettuata paratiroidectomia nel 97% dei casi.
All’inclusione nella coorte, l’iperparatiroidismo primario non diagnosticato era presente nel 63% dei casi.
Tra i soggetti senza iperparatiroidismo primario all'inclusione ( n=43 ), il 55% aveva iperparatiroidismo normocalcemico ( vs 21% nei controlli appaiati, P minore di 0.01 ) e il 31% aveva ipercalcemia normoparatiroidea.

Complessivamente, i livelli di 25OHD sono stati inferiori nei casi. Rispetto ai loro controlli appaiati, i livelli di 25OHD sono stati più bassi nel iperparatiroidismo normocalcemico ma non nella ipercalcemia normoparatiroidea.

È stato rimosso un adenoma nel 78% dei casi con iperparatiroidismo normocalcemico, mentre il 39% dei casi con ipercalcemia normoparatiroidea aveva iperplasia delle paratiroidi ( P=0.02 ).

Sovrapporre le prestazioni ha mostrato un valore predittivo positivo per iperparatiroidismo primario tardivo del 95% per livelli plasmatici di calcio superiori a 2.52 mmol/litro.

Esclusi i casi con insufficienza di vitamina D, il valore predittivo positivo per iperparatiroidismo primario tardivo è stato pari all’83% per livelli di PTH superiori a 5.0 pmol/litro.

In conclusione, anni prima di una diagnosi clinica di iperparatiroidismo primario, l’omeostasi del calcio ha mostrato segni di variazioni.
L’iperparatiroidismo primario latente può essere caratterizzato da iperparatiroidismo normocalcemico o ipercalcemia normoparatiroidea.
A tali pazienti dovrebbe essere garantito un follow-up a lungo termine per verificare se il loro profilo biochimico rappresenta uno stato precoce di iperparatiroidismo primario. ( Xagena2013 )

Rejnmark L et al, J Clin Endocrinol Metab 2013; 98: 1: 87-96

Endo2013



Indietro