Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Mediexplorer.it

Terapia primaria della malattia di Graves e morbilità e mortalità cardiovascolare


La malattia di Graves viene abitualmente trattata con farmaci antitiroidei, radioiodio o chirurgia, ma è incerto se la scelta della terapia iniziale influenzi i risultati a lungo termine.
Sono state valutate la morbilità e la mortalità cardiovascolare secondo il metodo e l'efficacia della terapia primaria nella malattia di Graves.

In questo studio di coorte retrospettivo sono stati identificati i pazienti con ipertiroidismo, diagnosticati tra il 1998 e il 2013, da un registro dei test degli anticorpi anti-recettore ( TRAb ) dell'ormone stimolante la tiroide ( TSH ) nel Galles meridionale, Regno Unito, e i loro dati clinici sono stati importati nell’All-Wales Secure Anonymised Information Linkage ( SAIL ) Databank ( Swansea University, Swansea, UK ).

I pazienti con malattia di Graves, definiti dai test TRAb positivi, sono stati selezionati per lo studio e i loro dati clinici sono stati collegati con i risultati in SAIL.
Non c’erano criteri di esclusione.
I pazienti sono stati confrontati per età e sesso con una popolazione di controllo nel database SAIL.

I pazienti sono stati raggruppati per trattamento entro 1 anno dalla diagnosi nel gruppo di farmaci antitiroidei, gruppo radioiodio con ipertiroidismo risolto ( gruppo con radioiodio A ) o gruppo radioiodio con ipertiroidismo non-risolto ( gruppo con radioiodio B ).

È stata analizzata l'associazione del trattamento con l'esito primario della mortalità per tutte le cause e l'esito secondario di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( infarto miocardico, insufficienza cardiaca, ictus ischemico o morte ) con il punto di riferimento fissato a 1 anno dopo la diagnosi.
È stata analizzata l'associazione tra esiti e concentrazione di TSH e la concentrazione di tiroxina libera ( FT4 ).

Sono stati estratti i dati a livello di paziente di 4.189 pazienti ( 3.414 donne. 81.5%, e 775 uomini, 18.5% ) con la malattia di Graves e 16.756 controlli ( 13.656 donne, 81.5%, e 3.100 uomini, 18.5% ).
Nelle analisi di riferimento, 3.587 pazienti erano nel gruppo di farmaci antitiroidei, 250 nel gruppo con radioiodio A, 182 nel gruppo con radioiodio B.

I pazienti hanno mostrato un aumento della mortalità per tutte le cause rispetto ai controlli ( hazard ratio, HR=1.22 ).

Rispetto ai pazienti nel gruppo trattato con farmaci antitiroidei, la mortalità è stata più bassa tra quelli nel gruppo con radioiodio A ( HR=0.50 ), ma non per quelli nel gruppo con radioiodio B ( HR=1.51 ).

Concentrazioni di TSH persistentemente basse a 1 anno dalla diagnosi sono state associate a un aumento della mortalità indipendente dal metodo di trattamento ( HR=1.55 ).

È stata dimostrata una relazione non lineare positiva tra le concentrazioni di FT4 a 1 anno e la mortalità per tutte le cause.

Indipendentemente dal metodo di trattamento, il controllo precoce ed efficace dell'ipertiroidismo tra i pazienti con malattia di Graves è associato a una migliore sopravvivenza rispetto a un controllo meno efficace.
Il controllo rapido e prolungato dell'ipertiroidismo dovrebbe essere prioritario nella gestione della malattia di Graves e il trattamento preventivo precoce con radioiodio dovrebbe essere offerto a pazienti che difficilmente raggiungono la remissione con i soli farmaci antitiroidei. ( Xagena2019 )

Okosieme OE et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 278-287

Endo2019 Cardio2019



Indietro