Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Sopravvivenza ed eventi cardiovascolari negli uomini trattati con terapia sostitutiva con Testosterone


L'esposizione a terapia sostitutiva con Testosterone a lungo termine è associata a minori rischi di mortalità, eventi cardiovascolari e cancro alla prostata, ma con periodi brevi di terapia aumenta il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari.

Esistono prove contrastanti sull'associazione tra terapia sostitutiva con Testosterone e mortalità ed eventi cardiovascolari.

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha recentemente ammonito sul fatto che la terapia sostitutiva con Testosterone potrebbe aumentare il rischio di infarto miocardico e ictus, sulla base di studi con breve durata del trattamento e follow-up.

Nessun precedente studio aveva valutato l'effetto della durata del trattamento con Testosterone su questi endpoint.

Uno studio ha valutato l'associazione tra l'uso a lungo termine della terapia di sostituzione del Testosterone e la mortalità, gli eventi cardiovascolari e la diagnosi di tumore alla prostata.

È stato effettuato uno studio di coorte basato su una popolazione di uomini di età a partire da 66 anni trattati con la terapia di sostituzione con Testosterone e controlli appaiati per età, regione di residenza, co-morbilità, stato di diabete e anno indice dal 2007 al 2012 in Ontario ( Canada ), utilizzando i dati dei database Ontario Drug Benefit, Canadian Institute for Health Information ( CIHI ) Discharge Abstract Database, CIHI National Ambulatory Care Reporting System, Ontario Health Insurance Plan database, Ontario Myocardial Infarction Database, Ontario Diabetes Database, Ontario Cancer Registry, e Registered Persons.

È stata valutata l'associazione tra terapia sostitutiva con Testosterone e mortalità, eventi cardiovascolari e cancro alla prostata utilizzando modelli con esposizione al Testosterone variabile nel tempo.

Sono stati inclusi 10.311 uomini trattati con terapia sostitutiva con Testosterone e 28.029 controlli tra il 2007 e il 2012.

In un follow-up mediano di 5.3 anni nel gruppo di terapia sostitutiva con Testosterone e 5.1 anni nel gruppo di controllo, i pazienti trattati con la terapia sostitutiva con Testosterone hanno mostrato mortalità inferiore rispetto ai controlli ( hazard ratio, HR=0.88 ).

I pazienti nel terzile più basso di esposizione al Testosterone erano ad aumentato rischio di mortalità ( HR=1.11 ) e di eventi cardiovascolari ( HR=1.26 ) rispetto ai controlli.

Per contro, quelli nel più alto terzile di esposizione al Testosterone avevano una diminuzione del rischio di mortalità ( HR=0.67 ) e di eventi cardiovascolari ( HR=0.84 ), con una tendenza significativa attraverso i terzili ( P minore di 0.0001 ).

Il rischio di diagnosi di cancro alla prostata è risultato ridotto per i pazienti con il più alto terzile di esposizione ( HR=0.60 ) rispetto ai controlli, ma non per i soggetti con l'esposizione più breve.

L'esposizione a lungo termine alla terapia sostitutiva a base di Testosterone è risultata associata a minori rischi di mortalità, eventi cardiovascolari e cancro alla prostata.
Tuttavia, la terapia sostitutiva con Testosterone ha aumentato il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari con periodi brevi di terapia.
Questi risultati necessitano di una conferma in uno studio randomizzato. ( Xagena2016 )

Wallis CJD et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2016; 4: 498-506

Endo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro