Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
XagenaNewsletter

Pasireotide versus trattamento continuato con Octreotide o Lanreotide per acromegalia non-controllata in modo adeguato


Molti pazienti con acromegalia non raggiungono il controllo biochimico nonostante il trattamento con alte dosi di analoghi della Somatostatina di prima generazione come Octreotide ( Sandostatina ) o Lanreotide.

Nello studio PAOLA, sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di due diverse dosi dell’analogo della Somatostatina, Pasireotide ( Signifor ) con rilascio a lunga durata d’azione, rispetto al controllo attivo ( Octreotide o Lanreotide ) nei pazienti con acromegalia non adeguatamente controllata.

Nello studio multicentrico, randomizzato, di fase 3, sono stati arruolati pazienti a partire dai 18 anni di età con acromegalia non-controllata in modo adeguato ( 5 punti, 2 ore concentrazione media di ormone della crescita superiore a 2.5 mcg/l e concentrazione di IGF-1 maggiore di 1.3 volte il limite superiore normale ) che avevano ricevuto 30 mg di Octreotide a lunga durata d’azione ripetibile o 120 mg di Lanreotide ( Somatuline Autogel ) in monoterapia per 6 mesi o più.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere 40 mg di Pasireotide a lunga durata d'azione una volta ogni 28 giorni per 24 settimane, 60 mg di Pasireotide a lunga durata d'azione una volta ogni 28 giorni per 24 settimane, o il trattamento continuato con Octreotide o Lanreotide ( controllo attivo ).

I pazienti sono stati stratificati in base al trattamento precedente ( Octreotide o Lanreotide ) e alle concentrazioni di Ormone della crescita allo screening ( 2.5-10 mcg/l e superiore a 10 mcg/l ).

L'endpoint primario era il numero di pazienti che hanno raggiunto il controllo biochimico, definito come concentrazione media di Ormone della crescita inferiore a 2.5 mcg/l e concentrazione normalizzata di IGF-1.

Tra il 2010 e il 2012, 198 pazienti sono stati arruolati e randomizzati ai gruppi Pasireotide 40 mg ( n=65 ), Pasireotide 60 mg ( n=65 ) o controllo attivo ( n=68 ).

A 24 settimane, 10 pazienti ( 15% ) nel gruppo Pasireotide 40 mg e 13 pazienti ( 20% ) nel gruppo Pasireotide 60 mg hanno raggiunto il controllo biochimico, rispetto a nessun paziente nel gruppo di controllo attivo ( differenza assoluta dal gruppo di controllo 15.4%, P=0.0006 per gruppo Pasireotide 40 mg, 20.0%, P minore di 0.0001 per Pasireotide gruppo 60 mg ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati iperglicemia ( 33%, per il trattamento con Pasireotide 40 mg; 31%, con Pasireotide 60 mg; 14%, con controllo attivo ), diabete mellito ( 21%; 26%; 8% ) e diarrea ( 16%; 19%; 5%); la maggior parte erano di grado 1 o 2 per gravità.
Eventi avversi gravi sono stati riportati nel 10% nel gruppo Pasireotide 40 mg, 3% nel gruppo Pasireotide 60 mg, e 5% nel gruppo di controllo attivo.

Pasireotide fornisce una efficacia superiore rispetto al trattamento continuato con Octreotide o Lanreotide, e potrebbe diventare il nuovo trattamento standard diretto all’ipofisi in pazienti con acromegalia che non è adeguatamente controllata dagli analoghi della Somatostatina di prima generazione. ( Xagena2014 )

Gadelha MR et al, Lancet 2014;2:875-884

Endo2014 Farma2014


Indietro