Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Reumabase.it

Livelli di testosterone e qualità di vita in pazienti maschi con tumori non-dipendenti dagli androgeni


I sintomi secondari ai cambiamenti ormonali hanno un impatto negativo significativo sulla qualità di vita nei pazienti oncologici.

Uno studio cross-sezionale ha esaminato la prevalenza di ipogonadismo e la sua correlazione con la qualità di vita e la disfunzione sessuale.

Sono stati raccolti campioni di sangue e storia clinica di 428 pazienti di sesso maschile con un tumore testosterone-indipendente; il siero è stato analizzato per misurare i livelli di testosterone totale, testosterone libero, testosterone biodisponibile e SHBG ( globulina che lega l’ormone sessuale ).

Utilizzando il questionario FACT-P ( Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate ) sulla qualità di vita sono stati valutati i domini fisici, sociali, emozionali e funzionali, oltre alla funzione sessuale, mentre il carcinoma della prostata, dei testicoli o del seno, ipogonadismo noto e HIV sono stati considerati criteri di esclusione.

Sono stati osservati valori medi e mediani di testosterone totale pari a 337.46 e 310 ng/dL, rispettivamente.

L’età media dei pazienti era di 62.05 anni.

La prevalenza cruda di ipogonadismo ( cioè, testosterone totale inferiore a 300 ng/dL ) è stata del 48% e il valore medio di testosterone totale nei pazienti con ipogonadismo è stato pari a 176 ng/dL.

Le prevalenze basate su testosterone libero ( cioè ipogonadismo con valori inferiori a 52 pg/dL ) e testosterone biodisponibile ( cioè ipogonadismo con livelli inferiori a 95 ng/dL ) sono state, rispettivamente, del 78% e del 66%.

I valori medi di testosterone libero e di testosterone biodisponibile nei pazienti con ipogonadismo sono stati 25 pg/dL e 45 ng/dL, rispettivamente.

I pazienti con ipogonadismo hanno mostrato una diminuzione dei punteggi totali di qualità di vita nel questionario FACT-P ( P=0.01 ) e una diminuzione nel sottogruppo a 3 voci sulla funzione sessuale ( P=0.003 ).

In conclusione, la prevalenza di ipogonadismo è risultata inaspettatamente elevata.
Le misurazioni di testosterone libero e testosterone biodisponibile hanno individuato prevalenze maggiori rispetto a quelle ottenute con il solo testosterone totale e ciò conferma i risultati ottenuti in precedenti studi.
La correlazione tra testosterone e i punteggi nel questionario FACT-P ha mostrato una riduzione significativa sia nella qualità di vita sia nella funzione sessuale per gli uomini con ipogonadismo.
I livelli di testosterone biodisponibile e testosterone libero sono risultati correlati più strettamente dei livelli di testosterone totale con FACT-P e le sue sottoscale di misurazione.
La prevalenza di ipogonadismo sintomatico nei pazienti oncologici di sesso maschile ha superato quella osservata in studi simili su popolazioni di persone non-affette da cancro. ( Xagena2010 )

Fleishman SB et al, J Clin Oncol 2010; 28: 5054-5460


Endo2010 Onco2010



Indietro