Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Ematobase.it

L'Idrocortisone a dosi più elevate può ridurre i sintomi nell'insufficienza surrenalica secondaria


Uno studio crossover in doppio cieco ha mostrato, tra i pazienti con insufficienza surrenalica secondaria, che un trattamento di 10 settimane con una dose più elevata di Idrocortisone ha abbassato il metabolismo del triptofano, mediando gli effetti del farmaco sulla fatica e sul funzionamento fisico.

Gli individui che soffrono di insufficienza surrenalica riportano una riduzione della qualità di vita a causa di una varietà di sintomi fisici e mentali come affaticamento, depressione e disabilità fisiche.
A causa di una produzione inadeguata di glucocorticoidi, queste persone richiedono una sostituzione permanente a base di glucocorticoidi con Idrocortisone.
La qualità di vita correlata alla salute ha mostrato di essere influenzata dai cambiamenti nella dose di Idrocortisone, dallo schema di dosaggio e dalla modalità di somministrazione dell'Idrocortisone.

Sono stati analizzati i dati di 47 adulti con insufficienza surrenalica secondaria sottoposti a terapia sostitutiva con glucocorticoidi per almeno 6 mesi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno di due gruppi di trattamento. Il primo gruppo ha ricevuto l'Idrocortisone a dosi più basse per 10 settimane prima di passare a una dose più elevata per un secondo periodo di trattamento di 10 settimane ( n = 22; età media, 53 anni; 40.9% donne ).
Il secondo gruppo ha ricevuto Idrocortisone a dosi più elevate per 10 settimane prima di passare alla formulazione a dosi più basse ( n = 25, età media, 51 anni, 36% donne ).
Gli schemi di dosaggio sono stati adeguati in base al peso.
Alla dose più bassa, i pazienti hanno ricevuto una dose giornaliera cumulativa da 15 a 20 mg di Idrocortisone.
Alla dose più alta, i pazienti hanno ricevuto una dose giornaliera cumulativa da 30 a 40 mg di Idrocortisone.
La somministrazione è stata suddivisa in tre dosaggi orali effettuati prima di colazione, pranzo e cena.

Sono stati misurati i livelli a digiuno del triptofano plasmatico, della chinurenina, della 3-idrossichinurenina, della qualità di vita correlata alla salute mediante diverse scale ( Patient Health Questionnaire-9, Patient Health Questionnaire-15, Hospital Anxiety Depression Scale e Multidimensional Fatigue Inventory-20 ), con punteggi più alti a indicare una peggiore qualità di vita o gravità dei sintomi.
Sono stati anche valutati i dati del diario di 45 pazienti.

E' stato riscontrato che i pazienti che presentavano aumentati livelli di triptofano quando assegnati alla dose più alta di Idrocortisone ( P = 0.038 ), così come ridotti livelli di chinurenina ( P = 0.004 ) e 3-idrossichinurenin ( P = 0.003 ) e più basso rapporto chinurenina e triptofano ( P inferiore a 0.001 ).
Inoltre, è stato scoperto che il rapporto tra chinurenina e triptofano ha mediato l'effetto della maggiore dose di Idrocortisone sull'affaticamento segnalato dal paziente ( P = 0.041 ) e sul funzionamento fisico ( P =0.005 ).

L'impiego di una più alta dose di Idrocortisone ha ridotto i sintomi di depressione e i sintomi dolorosi.

Dall'analisi dei dati del questionario è emerso che i pazienti hanno riportato ridotti sintomi depressivi, ridotta stanchezza generale, ridotto affaticamento mentale, migliore motivazione e miglioramento del funzionamento fisico, della vitalità e della percezione generale della salute. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 2018

Endo2018 Farma2018


Indietro