Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Ematobase.it

L'aggiunta di un analogo di GLP-1 alla terapia con inibitore SGLT2 è una opzione efficace nel diabete di tipo 2 scarsamente controllato


I pazienti con diabete mellito di tipo 2 scarsamente controllato assegnati in modo casuale a Dulaglutide ( Trulicity ), un agonista del recettore di GLP-1, come terapia aggiuntiva alla terapia con inibitori di SGLT2 hanno sperimentato riduzioni maggiori di emoglobina glicata ( HbA1c ), peso corporeo e pressione arteriosa sistolica rispetto a quelli assegnati a un placebo, secondo i risultati dello studio AWARD-10.

L'uso combinato di agonisti del recettore GLP-1 con inibitori SGLT2 non è ancora una pratica comune, nonostante i potenziali vantaggi rispetto ad altre combinazioni comunemente usate per trattare i pazienti con diabete di tipo 2.
Nella sperimentazione AWARD-10, l'aggiunta di Dulaglutide una volta alla settimana al trattamento in corso con un inibitore SGLT2 ( con o senza Metformina ) ha portato a un miglioramento significativo e clinicamente rilevante della concentrazione di HbA1 rispetto al placebo.
Questo regime ha anche comportato una maggiore riduzione del peso corporeo con Dulaglutide 1.5 mg.

Ricercatori hanno analizzato i dati di 424 pazienti con diabete mellito di tipo 2 e HbA1c tra il 7% e il 9.5%, a cui era stata prescritta una terapia con un inibitore di SGLT2 con o senza Metformina per almeno 3 mesi, partecipando allo studio AWARD-10, condotto in 40 Centri in otto Paesi.
Nel periodo 2015-2017, i pazienti erano stati assegnati in modo casuale a Dulaglutide per via sottocutanea da 1.5 mg o 0.75 mg ( n=142 per entrambi ) oppure a placebo ( n=140 ), tutti con una somministrazione volta a settimana, continuando con la terapia con inibitori di SGLT2 con o senza Metformina come prescritto.

L'esito primario era la superiorità di Dulaglutide rispetto al placebo per il cambiamento dei valori di emoglobina glicata dal basale a 24 settimane.
Gli esiti secondari includevano la percentuale di pazienti che raggiungevano l'HbA1c del 7% o meno, il cambiamento nel peso corporeo e il cambiamento nella glicemia a digiuno dal basale a 24 settimane.

Rispetto ai pazienti assegnati al placebo, quelli trattati con Dulaglutide hanno riscontrato una maggiore riduzione di HbA1c dal basale a 24 settimane con entrambe le dosi da 1.5 mg e 0.75 mg ( differenza media dei minimi quadrati, -0.54% vs -1.34% e -1.21%, rispettivamente ).
La proporzione di pazienti che hanno ottenuto un valore di HbA1c del 7% o inferiore a 24 settimane è risultata anche maggiore in entrambi i bracci di Dulaglutide rispetto al placebo ( 71% e 60% vs 32%; P inferiore a 0.0001 ).

I pazienti in entrambi i bracci di Dulaglutide hanno riportato una maggiore perdita di peso rispetto al placebo ( media, -3.1 kg e -2.6 kg rispetto a -2.1 kg, rispettivamente ); tuttavia, la perdita di peso per il braccio 0.75 mg non ha raggiunto la significatività statistica.

I cambiamenti nella glicemia a digiuno dal basale a 24 settimane sono stati anche maggiori per i due bracci Dulaglutide ( media, -31.6 mg/dL e -26.5 mg/dL ) rispetto al placebo ( media, -6.9 mg/dL ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento erano più comuni nei bracci Dulaglutide ed erano tipicamente di natura gastrointestinale.

La combinazione di agonisti del recettore GLP-1 con inibitori SGLT-2 offre molti vantaggi: funzionano con meccanismi diversi ma sinergici, entrambi hanno un rischio estremamente basso ( o nullo ) di ipoglicemia, e sono spesso associati a perdita di peso o almeno aiutano a mitigare l'ulteriore aumento di peso.
Per queste proprietà, l'American Association of Clinical Endocrinologists raccomanda il loro uso direttamente dopo la terapia con Metformina e la modificazione dello stile di vita. ( Xagena2018 )

Fonte: Lancet Diabetes Endocrinology, 2018

Endo2018 Farma2018


Indietro