Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Reumabase.it

Ipotiroidismo subclinico e rischio di malattia coronarica e mortalità


I dati relativi all'associazione tra ipotiroidismo subclinico ed esiti della malattia cardiovascolare sono contradditori in ampi studi prospettici; ciò potrebbe riflettere differenze tra i pazienti ( in età, sesso e livelli di ormone stimolante la tiroide ) o una pre-esistente malattia cardiovascolare.

E’ stata compiuta una revisione della letteratura per valutare il rischio di malattia coronarica e mortalità totale negli adulti con ipotiroidismo subclinico.

Nell'analisi sono stati inclusi gli studi prospettici di coorte che riportavano dati sulla funzione tiroidea e su successivi eventi di malattia coronarica, mortalità per coronaropatia e mortalità totale.

Sono stati ottenuti dati singoli su 55.287 partecipanti con un follow-up di 542.494 persone-anno tra il 1972 e il 2007 da 11 coorti prospettiche in Stati Uniti, Europa, Australia, Brasile e Giappone.

Il rischio di eventi di malattia coronarica è stato esaminato in 25.977 partecipanti da 7 coorti per i quali erano disponibili i dati.

L'eutiroidismo è stato definito come un livello di TSH ( ormone tireotropo ) compreso tra 0.50 e 4.49 mUI/L, mentre l'ipotiroidismo subclinico da un livello di TSH tra 4.5 e 19.9 mUI/L con concentrazioni normali di tiroxina.

Tra i 55.287 adulti, 3.450 hanno mostrato ipotiroidismo subclinico ( 6.2% ) e 51.837 eutiroidismo.

Nel corso del periodo di follow-up, 9.664 partecipanti sono deceduti ( 2.168 per malattia coronarica ) e 4.470 partecipanti sono andati incontro a eventi di coronaropatia ( in 7 studi ).

Il rischio di eventi di malattia coronarica e di mortalità per coronaropatia sono aumentati con concentrazioni più elevate di TSH.
Nell'analisi aggiustata per età e sesso, l'hazard ratio ( HR ) per coronaropatia è stato pari a 1 per un livello di TSH da 4.5 a 6.9 mUI/L ( 20.3 vs 20.3/1000 persone-anno per partecipanti con eutiroidismo ), 1.17 per un livello di TSH da 7 a 9.9 mUI/L ( 23.8/1000 persone-anno ) e 1.89 per un livello di TSH da 10 a 19.9 mUI/L ( n=70 eventi/235; 38.4/1000 persone-anno; P minore di 0.001 per la tendenza ).

I corrispondenti hazard ratio per mortalità per malattia coronarica sono stati 1.09 ( 5.3 vs 4.9/1000 persone-anno per i partecipanti con eutiroidismo ), 1.42 ( 6.9/1000 persone-anno ) e 1.58 ( n=28 decessi/333; 7.7/1000 persone-anno; P=0.005 per la tendenza ).

La mortalità totale non è risultata aumentata tra i partecipanti con ipotiroidismo subclinico.

Risultati simili sono stati osservati dopo ulteriori aggiustamenti per fattori di rischio cardiovascolare tradizionali e i rischi non hanno mostrato differenze significative per età, sesso o pre-esistente malattia cardiovascolare.

In conclusione, l'ipotiroidismo subclinico è associato a un aumento del rischio di eventi di malattia coronarica e mortalità per coronaropatia nelle persone con livelli più elevati di TSH, in particolare nel caso di concentrazioni uguali o superiori a 10 mUI/L. ( Xagena2010 )

Rodondi N et al, JAMA 2010; 304: 1365-74



Endo2010 Cardio2010



Indietro