Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Farmaexplorer.it

Immunosoppressione e radioterapia combinate nella patologia oculare tiroidea


Il trattamento standard per la patologia oculare tiroidea è effettuato con corticosteroidi sistemici.
Uno studio ha verificato se la radioterapia orbitale o l'immunosoppressione antiproliferativa conferiscano ulteriori benefici.

CIRTED era uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato e controllato effettuato in sei Centri nel Regno Unito.
Sono stati arruolati nello studio adulti con malattia oculare della tiroide moderata-grave attiva associata a proptosi o a restrizione della motilità oculare.

I pazienti hanno tutti ricevuto un ciclo di Prednisolone orale di 24 settimane ( 80 mg al giorno, ridotto a 20 mg al giorno per 6 settimane, 10 mg al giorno per 15 settimane e 5 mg al giorno per 21 settimane ) e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia o radioterapia simulata e Azatioprina o placebo.

La dose di radioterapia era di 20 Gy somministrata all'orbita retrobulbare in 10-12 frazioni in 2-3 settimane.

Il trattamento con Azatioprina è stato somministrato per 48 settimane a 100-200 mg al giorno ( in compresse da 50 mg ), a seconda del peso corporeo ( 100 mg per meno di 50 kg, 150 mg 50-79 kg, 200 mg per 80 kg e oltre ).

Gli esiti primari erano un punteggio di esito clinico composito binario e un indice oftalmopatico a 48 settimane e un punteggio di attività clinica a 12 settimane.

Tra il 2006 e il 2013, 126 pazienti sono stati reclutati e assegnati in modo casuale ai gruppi: 31 pazienti alla radioterapia più Azatioprina, 31 alla radioterapia simulata e Azatioprina, 32 alla radioterapia e al placebo e 32 alla radioterapia simulata e al placebo.

I dati di esito erano disponibili per 103 pazienti ( 54 per la radioterapia simulata vs 49 per la radioterapia e 53 per il placebo vs 50 per l'Azatioprina ), di cui 84 hanno completato il trattamento assegnato con radioterapia o radioterapia simulata e 57 hanno continuato a prendere Azatioprina o placebo fino a 48 settimane.

Non c'è stata interazione tra Azatioprina e radioterapia ( P interazione=0.86 ).

L’odds ratio aggiustato ( aOR ) per il miglioramento della misura dell'esito composito clinico binario è stato pari a 2.56 ( P=0.054 ) per Azatioprina e 0.89 ( P=0.80 ) per la radioterapia.

In una analisi post-hoc dei pazienti che hanno completato la terapia assegnata, l'odds ratio aggiustato di miglioramento è stato pari a 6.83 ( P= 0.008 ) per Azatioprina e 1.32 ( P=0.67 ) per la radioterapia.

L'indice oftalmopatico, il punteggio di attività clinica e il numero di eventi avversi ( 161 con Azatioprina e 156 con radioterapia ) non differivano tra i gruppi di trattamento.
In entrambi i gruppi, gli eventi avversi più comuni sono state infezioni lievi.
Nessun paziente è morto durante lo studio.

Nei pazienti trattati con Prednisolone orale per 24 settimane, la radioterapia non ha apportato alcun beneficio aggiuntivo.
Inoltre non è stato trovato alcun beneficio ulteriore per l'aggiunta di Azatioprina nell'analisi primaria; tuttavia, le conclusioni sono limitate dall'elevato numero di pazienti che si sono ritirati dal trattamento.
I risultati dell'analisi post-hoc di coloro che hanno completato il trattamento assegnato hanno indicato un miglioramento dell'esito clinico a 48 settimane con il trattamento con Azatioprina. ( Xagena2018 )

Rajendram R et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 299-309

Endo2018 Oftalm2018 Farma2018


Indietro