Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Exenatide una volta alla settimana migliora il controllo della glicemia in misura maggiore rispetto a Sitagliptin o a Pioglitazone


Un’iniezione una volta alla settimana di Exenatide ( Bydureon ) in pazienti con diabete mellito di tipo 2 è risultata più efficace nel migliorare il controllo glicemico e nell’indurre perdita di peso corporeo rispetto alla somministrazione per via orale, giornaliera, di Sitagliptin ( Januvia ) o di Pioglitazone ( Actos ).

La maggior parte dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 necessita di un trattamento farmacologico iniziale con Metformina ( MetBay ), ma alla fine richiede un trattamento aggiuntivo.

Lo studio DURATION-2 ha messo a confronto tre farmaci con differenti meccanismi d'azione: Exenatide per via iniettiva una volta a settimana, Sitagliptin per os una volta al giorno, e Pioglitazone per os una volta al giorno.

In questo studio della durata di 26 settimane, randomizzato, i pazienti erano affetti da diabete mellito di tipo 2 ed erano in trattamento con Metformina.
L'emoglobina glicosilata ( HbA1c ) basale, media, nella coorte era pari a 8.5%, la glicemia a digiuno era 9.1 mmol/L, e il peso corporeo medio era pari a 88 kg.

I pazienti sono stati randomizzati a Exenatide 2 mg per via iniettiva una volta la settimana più placebo per via orale a cadenza giornaliera ( 170 pazienti ); Sitagliptin 100 mg al giorno per via orale e placebo iniettato una volta a settimana ( n=172 ), oppure Pioglitazone per os ogni giorno e placebo iniettato una volta a settimana ( n=172 ).
Tutti i pazienti hanno continuato ad assumere Metformina per tutto il corso dello studio.

Un totale di 491 pazienti hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e sono stati inclusi nell'analisi finale ( 160 Exenatide, 166 Sitagliptin, 165 Pioglitazone ).
Il trattamento con Exenatide ha ridotto HbA1c dell’1.5%, rispetto allo 0.9% nel gruppo Sitagliptin e l’1.2% nel gruppo Pioglitazone.

I pazienti nel gruppo Exenatide hanno perso in media 2.3 kg, a fronte di una perdita di peso media di 0.8 kg nel gruppo Sitagliptin e a un aumento del peso medio di 2.8 kg nel gruppo Pioglitazone.

Nessun episodio maggiore di ipoglicemia si è verificati in ciascun gruppo. I più frequenti eventi avversi con Exenatide e Sitagliptin sono stati nausea ( 24% e 10%, rispettivamente ) e diarrea ( 18% e 10% rispettivamente ), mentre le infezioni delle alte vie respiratorie ( 10% ) e l’edema periferico ( ritenzione di liquidi / gonfiore nella gambe ) ( 8% ) sono stati gli eventi più frequenti con Pioglitazone.

Secondo gli Autori, i miglioramenti riguardo al valore HbA1c e al peso corporeo con Exenatide in monosomministrazione settimanale hanno indicato che questo farmaco dovrebbe essere considerato, in aggiunta alla Metformina, nei pazienti che necessitano di miglioramenti nel controllo glicemico e nel peso corporeo, e in cui il rischio di ipoglicemia deve essere minimizzato. ( Xagena2010 )
"
Fonte: Lancet, 2010


Farma2010 Endo2010


Indietro