Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Ematobase.it

Eventi cardiovascolari e danno d'organo bersaglio nell'aldosteronismo primario rispetto all'ipertensione essenziale


Vi sono prove contrastanti, basate su studi eterogenei, sul fatto che l'eccesso di aldosterone sia responsabile di un aumento del rischio di complicanze cardiovascolari e cerebrovascolari in pazienti con aldosteronismo primario.

È stata valutata l'associazione tra aldosteronismo primario ed eventi avversi cardiaci e cerebrovascolari, danno d'organo bersaglio, diabete mellito e sindrome metabolica, rispetto all'associazione tra ipertensione essenziale, e questi eventi cardiovascolari e degli organi terminali, integrando i risultati di studi precedenti.

È stata effettuata una meta-analisi di studi osservazionali prospettici e retrospettivi che hanno confrontato pazienti con aldosteronismo primario ed ipertensione essenziale, per analizzare l'associazione tra aldosteronismo primario e ictus, malattia coronarica ( come endpoint co-primari ), fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca, danno d'organo target, sindrome metabolica e diabete mellito ( come endpoint secondari ).

Gli studi eleggibili hanno confrontato i pazienti con aldosteronismo primario con pazienti con ipertensione essenziale ( come gruppo di controllo ) e hanno riportato gli eventi clinici o gli endpoint di interesse.
Sono anche stati confrontati i sottotipi di aldosteronismo primario, adenoma producente aldosterone e iperplasia surrenalica bilaterale.

Sono stati identificati 31 studi con 3.838 pazienti con aldosteronismo primario e 9.284 pazienti con ipertensione essenziale.

Dopo una mediana di 8.8 anni dalla diagnosi di ipertensione, rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale, i pazienti con aldosteronismo primario presentavano un aumentato rischio di ictus ( odds ratio, OR=2.58 ), malattia coronarica ( OR=1.77 ), fibrillazione atriale ( OR=3.52 ) e insufficienza cardiaca ( OR=2.05 ).

Questi risultati sono stati coerenti per i pazienti con adenoma producente aldosterone e iperplasia surrenale bilaterale, senza differenze tra questi sottogruppi.

Allo stesso modo, l'aldosteronismo primario ha aumentato il rischio di diabete mellito ( OR=1.33 ), sindrome metabolica ( OR=1.53 ) e ipertrofia ventricolare sinistra ( OR=2.29 ).

È importante diagnosticare l'aldosteronismo primario nelle prime fasi della malattia, con inizio precoce del trattamento specifico, perché i pazienti affetti presentano un aumento del rischio cardiovascolare rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale. ( Xagena2018)

Monticone S et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 41-50

Endo2018 Cardio2018



Indietro