Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Mediexplorer.it

Estrogeni versus androgeni nella terapia ormonale sostitutiva per la sindrome da insensibilità completa agli androgeni


Le donne con sindrome da insensibilità completa agli androgeni ( CAIS ) dopo gonadectomia si lamentano per la riduzione di benessere psicologico e soddisfazione sessuale.
È stata confrontata l'efficacia della terapia ormonale sostitutiva con androgeni o estrogeni nelle donne con cariotipo 46, XY e sindrome da insensibilità completa agli androgeni dopo gonadectomia.

È stato condotto uno studio crossover randomizzato, multicentrico, nazionale, in doppio cieco, presso tre Centri medici universitari e tre Istituti specializzati in Germania.
I partecipanti eleggibili erano donne di età compresa tra 18 e 54 anni con cariotipo 46, XY, sindrome da insensibilità completa agli androgeni geneticamente diagnosticata e gonadi rimosse.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a Estradiolo 1.5 mg/die per 6 mesi, seguito da passaggio a 50 mg/die di Testosterone per 6 mesi ( sequenza A ) o a 50 mg/die di Testosterone per 6 mesi seguito da passaggio a Estradiolo 1.5 mg/die per 6 mesi ( sequenza B ).

Le partecipanti hanno anche ricevuto Estradiolo o Testosterone fittizio per evitare l'identificazione della sostanza attiva.
Tutte le partecipanti hanno ricevuto Estradiolo 1.5 mg/die durante una fase di run-in di 2 mesi.

L'esito primario era la qualità di vita correlata alla salute mentale, misurata con la versione standard tedesca del questionario SF-36.
Gli esiti secondari erano il benessere psicologico, misurato con la scala BSI ( Brief Symptom Inventory ), la funzione sessuale, misurata con la scala FSFI ( Female Sexual Function Index ), e gli effetti somatici, come i segni di virilizzazione e gli effetti sui valori ematici metabolici.

L'analisi primaria includeva tutte le pazienti disponibili almeno fino alla visita 5, anche se si verificavano violazioni del protocollo.
L'analisi di sicurezza ha incluso tutte le pazienti che hanno almeno ricevuto Estradiolo durante la fase di run-in.

Sono state arruolate 26 pazienti nello studio, tra il 2011 e il 2016.
14 pazienti sono state assegnate alla sequenza A e 12 sono state assegnate alla sequenza B.
10 partecipanti si sono ritirate dallo studio, 2 delle quali avevano partecipato ad almeno 5 visite e quindi potevano essere incluse nell'analisi primaria.

La qualità di vita legata alla salute mentale non differiva tra i gruppi di trattamento ( modello misto lineare, P=0.794 ), né i punteggi BSI per il benessere psicologico ( indice di gravità globale, P=0.638; indice di distress sintomatico positivo, P=0.388; totale sintomi positivi, P=0.570 ).

Per la scala FSFI, il Testosterone è risultato superiore all'Estradiolo solo nel migliorare il desiderio sessuale ( modello misto lineare, P=0.018 ).
Non è stata osservata virilizzazione e le concentrazioni di gonadotropina sono rimaste stabili in entrambi i gruppi di trattamento.

Le concentrazioni di Estradiolo e Testosterone sono cambiate sostanzialmente durante lo studio in entrambi i gruppi di trattamento.

Sono stati segnalati 28 eventi avversi per le pazienti che hanno ricevuto Estradiolo ( 23 di grado 1 e 5 di grado 2 ) e 38 eventi avversi per le pazienti che hanno ricevuto Testosterone ( 34 di grado 1, 3 di grado 2 e uno di grado 3 ).

Un evento avverso grave ( mastopatia fibrosa ) e 20 eventi avversi ( 16 di grado 1 e 4 di grado 2 ) sono stati riportati durante la fase di run-in e 12 eventi avversi durante il follow-up ( 9 di grado 1 e 3 di grado 2 ).

Il Testosterone si è dimostrato ben tollerato e sicuro come gli estrogeni per la terapia ormonale sostitutiva.
Il Testosterone può essere una sostituzione ormonale alternativa nella sindrome da insensibilità completa agli androgeni, specialmente per le donne con ridotta funzionalità sessuale. ( Xagena2018 )

Birnbaum W et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 771-780

Gyne2018 Endo2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro