Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Ematobase.it

Esito dopo ablazione nei pazienti con tumore tiroideo a basso rischio


In ESTIMABL1, uno studio randomizzato di fase 3 sulla somministrazione di Iodio radioattivo ( 131 I ) dopo resezione chirurgica completa nei pazienti con cancro della tiroide a basso rischio, il 92% dei pazienti ha presentato ablazione tiroidea completa a 6-10 mesi, definita come una concentrazione di tireoglobulina nel siero stimolata da ormone stimolante la tiroide umano ricombinante ( rhTSH ) di 1 ng/ml o meno e risultati normali all'ecografia del collo.

È stata dimostrata l'equivalenza tra Iodio radioattivo a bassa attività ( 1.1 GBq ) e alta attività ( 3.7 GBq ) e anche tra l'uso di iniezioni di rhTSH e il ritiro degli ormoni tiroidei.

Sono stati riportati i risultati dopo 5 anni di follow-up.

Questo studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di equivalenza è stato condotto in 24 Centri in Francia.
Tra il 2007 e il 2010, sono stati randomizzati adulti con carcinoma tiroideo differenziato a basso rischio sottoposti a tiroidectomia totale a una di quattro strategie, ciascuna combinando uno dei due metodi di stimolazione della tireotropina ( rhTSH o sospensione dell’ormone tiroideo ), e una di due attività dello Iodio radioattivo ( 1.1 GBq o 3.7 GBq ).

Il follow-up consisteva in una misurazione annuale della tireoglobulina sierica durante il trattamento con Levotiroxina.

La misurazione della tireoglobulina stimolata con rhTSH e l'ecografia del collo sono state eseguite a discrezione del medico curante.
Nessuna evidenza di malattia è stata definita come tireoglobulina sierica di 1 ng/ml o meno durante il trattamento con Levotiroxina e risultati normali all'ecografia del collo, quando eseguita.

Sono stati seguiti 726 pazienti ( 97% dei 752 pazienti originariamente randomizzati ).

A un follow-up mediano dalla randomizzazione di 5.4 anni, 715 ( 98% ) persone non hanno mostrato evidenza di malattia.
Gli altri 11 avevano o malattia strutturale ( n=4 ), aumento della concentrazione di tireoglobulina sierica ( n=5 ), o risultati indeterminati all'ecografia del collo ( n=2 ).

All’ablazione, 6 di questi pazienti avevano ricevuto 1.1 GBq di Iodio radioattivo ( 5 dopo rhTSH e uno dopo la sospensione ) e 5 avevano ricevuto 3.7 GBq ( 2 dopo rhTSH e tre dopo la sospensione ).

La concentrazione di tireoglobulina stimolata da TSH ( dopo le iniezioni di rhTSH o dopo la sospensione dell'ormone tiroideo secondo il gruppo di trattamento ), misurata al momento dell'ablazione, è stata prognostica per lo stato della malattia strutturale a livello di ablazione, stato di ablazione a 6-10 mesi ed esito finale.

I risultati hanno indicato che la recidiva di malattia non è correlata alla strategia utilizzata per l'ablazione.
Questi dati hanno fornito elementi di convalida per l'uso di Iodio radioattivo 1.1 GBq dopo rhTSH per l'ablazione postoperatoria nei pazienti con carcinoma tiroideo a basso rischio. ( Xagena2018 )

Schlumberger M et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 618-626

Onco2018 Endo2018



Indietro