Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Cardiobase

Esiti cardiometabolici e mortalità nell'aldosteronismo primario medicalmente trattato


Gli antagonisti dei recettori dei mineralocorticoidi ( MR ) rappresentano la terapia medica raccomandata per l'aldosteronismo primario.
Non è chiaro se questa raccomandazione riduca efficacemente il rischio cardiometabolico.
È stato esaminato il rischio di eventi cardiovascolari incidenti in pazienti con aldosteronismo primario trattati con antagonisti dei recettori dei mineralcorticoidi rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale.

È stato condotto uno studio di coorte che ha riguardato pazienti provenienti da un Registro di ricerca del Brigham and Women's Hospital, Massachusetts General Hospital e ospedali affiliati.
Sono stati identificati i pazienti con aldosteronismo primario utilizzando i codici ICD-9 e ICD-10, valutati tra gli anni 1991-2016, e con almeno 18 anni di età.

Sono stati esclusi i pazienti sottoposti ad adrenalectomia chirurgica, con un precedente evento cardiovascolare, non-trattati con antagonisti MR o senza visite di follow-up dopo l'ingresso nello studio.
Dallo stesso Registro, è stata identificata una popolazione con ipertensione essenziale che è stata associata per la frequenza in base al decennio di età all'entrata nello studio.

L'esito primario era un evento cardiovascolare incidente, definito come un composito di infarto miocardico incidente o rivascolarizzazione coronarica, ricovero ospedaliero con insufficienza cardiaca congestizia o ictus.
Gli esiti secondari erano i singoli componenti dell’esito cardiovascolare composito, così come la fibrillazione atriale incidente, il diabete incidente e la mortalità.

Sono stati identificati 602 pazienti eleggibili con aldosteronismo primario trattati con antagonisti MR e 41.853 pazienti abbinati per età con ipertensione essenziale dal Registro.
I due gruppi di pazienti avevano profili di rischio cardiovascolare e pressione arteriosa comparabili durante lo studio.

L'incidenza di eventi cardiovascolari è stata più alta nei pazienti con aldosteronismo primario trattati con antagonisti MR rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale ( 56.3 vs 26.6 eventi per 1.000 anni-persona, hazard ratio aggiustato, aHR=1.91; differenza di incidenza cumulativa a 10 anni aggiustata 14.1 eventi in eccesso per 100 persone ).

I pazienti con aldosteronismo primario presentavano anche rischi più elevati aggiustati di mortalità incidente ( hazard ratio, HR 1.34 ), diabete mellito ( 1.26 ) e fibrillazione atriale ( 1.93 ).

Rispetto all'ipertensione essenziale, l'eccesso di rischio per eventi cardiovascolari e mortalità è stato limitato ai pazienti con aldosteronismo primario la cui attività della renina è rimasta soppressa ( inferiore a 1 microg/l per ora ) durante il trattamento con antagonisti MR ( HR aggiustato 2.83 e 1.79, rispettivamente ), mentre i pazienti trattati con dosaggi più elevati di antagonista MR e con una renina non-soppressa ( maggiore o uguale a 1 microg/l per ora ) non hanno presentatoo un eccesso significativo di rischio.

L'attuale pratica della terapia antagonista dei recettori dei mineralocorticoidi nell'aldosteronismo primario è associata a un rischio significativamente più elevato di eventi cardiometabolici incidenti e alla mortalità, indipendentemente dal controllo della pressione arteriosa, rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale.
La titolazione della terapia con antagonisti dei recettori dei mineralocorticoidi per aumentare la renina potrebbe mitigare questo eccesso di rischio. ( Xagena2018)

Hundemer GL et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 51-59

Endo2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro