Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Reumabase.it

Efficacia e sicurezza di Pasireotide una volta al mese nella malattia di Cushing


La malattia di Cushing è una rara malattia endocrina debilitante per la quale sono stati effettuati pochi studi prospettici di intervento.
Sono stati riportati i risultati del primo studio di fase 3 che ha valutato Pasireotide ( Signifor ) intramuscolare a lunga durata d'azione in pazienti con malattia di Cushing.

Sono stati reclutati pazienti di età pari o superiore a 18 anni con malattia di Cushing persistente, ricorrente o de-novo non-adatti alla chirurgia con una concentrazione media di cortisolo urinario libero ( mUFC; da tre campioni nelle 24 ore ) di 1.5-5.0 volte il limite superiore della norma ( ULN ), una concentrazione plasmatica al prelievo del mattino di ormone adrenocorticotropo normale o superiore alla norma e una fonte pituitaria della sindrome di Cushing, da 57 Centri in 19 Paesi.
I criteri di esclusione includevano un precedente trattamento con Pasireotide, terapia con Mitotano entro 6 mesi e irradiazione ipofisaria entro 10 anni.

Sono stati assegnati casualmente i pazienti a Pasireotide per via intramuscolare 10 mg o 30 mg ogni 4 settimane per 12 mesi ( nella fase centrale ).
La randomizzazione è stata stratificata mediante screening della concentrazione di mUFC ( da 1.5 a inferiore a 2.0 x ULN e 2.0-5.0 x ULN ).
La dose è stata aumentata ( da 10 mg a 30 mg o da 30 mg a 40 mg ) al mese 4 se la concentrazione di mUFC era maggiore di 1.5 x ULN, ed è stata aumentata al mese 7, al mese 9 o al mese 12 se la concentrazione di mUFC era superiore a 1.0 x ULN.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti in ciascun gruppo con una concentrazione di mUFC inferiore o uguale a ULN al mese 7.

Tra il 2011 e il 2014, sono stati assegnati casualmente 150 pazienti a ricevere Pasireotide 10 mg ( 74 pazienti, 49% ) o 30 mg ( 76 pazienti, 51% ).

L'endpoint primario di efficacia è stato raggiunto da 31 pazienti su 74 ( 41.9% ) nel gruppo 10 mg e da 31 su 76 ( 40.8% ) nel gruppo 30 mg.

Gli eventi avversi più comuni sono stati iperglicemia ( 36, 49%, nel gruppo 10 mg e 36, 47%, nel gruppo 30 mg ), diarrea ( 26, 35%, e 33, 43% ), colelitiasi ( 15, 20%, e 34, 45% ), diabete mellito ( 14, 19%, e 18, 24% ) e nausea ( 15, 20%, e 16, 21% ).

Eventi avversi gravi sospettati di essere correlati al farmaco dello studio sono stati segnalati in 8 pazienti ( 11% ) nel gruppo 10 mg e in 4 ( 5% ) nel gruppo 30 mg.
Due pazienti ( 3% ) nel gruppo trattato con 30 mg sono deceduti durante lo studio ( trombosi delle arterie polmonari e insufficienza cardiorespiratoria ); nessuno dei due decessi è stato considerato correlato al trattamento.

Pasireotide a lunga durata d’azione ha normalizzato la concentrazione di mUFC in circa il 40% dei pazienti con malattia di Cushing al mese 7 e ha mostrato un profilo di sicurezza simile a quello di Pasireotide sottocutaneo due volte al giorno.

Pasireotide a lunga durata azione è una opzione di trattamento efficace per alcuni pazienti con malattia di Cushing che hanno una malattia persistente o ricorrente dopo l'intervento iniziale o non sono candidati alla chirurgia, con un conveniente programma di somministrazione mensile. ( Xagena2018)

Lacroix A et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 17-26

Endo2018 Farma2018


Indietro