Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Mediexplorer.it

Effetto della terapia di sostituzione con Testosterone sulle misure di mobilità negli uomini anziani con limitazione della mobilità e basse concentrazioni di testosterone


The Physical Function Trial ( PFT ) era uno dei sette Testosterone Trials ( TTrials ), il cui scopo è stato quello di valutare l'effetto del Testosterone sulla mobilità, la funzione fisica auto-riferita, le cadute e la scala PGIC ( Patient Global Impression-of-Change ) negli uomini anziani con basse concentrazioni di testosterone, limitazione della mobilità auto-riferita e velocità di deambulazione inferiore a 1.2 m/s.

Utilizzando i dati dello studio PFT e la popolazione complessiva degli studi TTrials, si è determinato se l'effetto del Testosterone sulla mobilità differisse in base alla velocità di camminata al basale, alla limitazione della mobilità o ad altri fattori dei pazienti.

I TTrials comprendevano 790 uomini di età pari o superiore a 65 anni con una media di due concentrazioni totali di testosterone inferiori a 275 ng/dl ( 9.5 nmol/l ), di cui 390 con limitazione della mobilità e una velocità di camminata inferiore a 1.2 m/s ed erano stati arruolati nello studio PFT.
I partecipanti erano stati assegnati a gel di Testosterone 1% o a gel placebo ogni giorno per 12 mesi.

L'esito primario dello studio PFT era rappresentato da un aumento della distanza percorsa a piedi in 6 minuti ( 6MWT ) di 50 metri o più.

Sono stati riportati i dati per la variazione assoluta della distanza 6MWT e della componente fisica di Short Form-36 ( PF10 ), e per PGIC e cadute.

Sono stati riportati i dati di uomini arruolati nello studio PFT e di uomini che non lo erano, e per tutti gli uomini nei TTrials; i dati sono stati riportati anche in base alla velocità di camminata basale e alla limitazione della mobilità.

Le analisi sono state condotte in una popolazione intention-to-treat modificata in tutti i pazienti assegnati al trattamento, con una valutazione iniziale e almeno una valutazione post-intervento.

I TTrials hanno avuto luogo tra il 2011 e il 2014.

Su 790 partecipanti ai TTrials, 395 sono stati assegnati al Testosterone e 395 al placebo; dei 390 partecipanti arruolato allo studio PFT, 193 sono stati assegnati al Testosterone e 197 al placebo.

Come riportato in precedenza, la distanza 6MWT è migliorata significativamente nel gruppo Testosterone rispetto al gruppo placebo tra tutti gli uomini nei TTrials, ma non in quelli che sono stati arruolati nello studio PFT; tra i partecipanti ai TTrials non arruolati in PFT, la distanza 6MWT è migliorata con un effetto del trattamento di 8.9 m ( P=0.010 ).

Come riportato in precedenza, PF10 è migliorato di più nel gruppo Testosterone rispetto al gruppo placebo in tutti gli uomini nei TTrials e negli uomini arruolati nello studio PFT; tra quelli non-arruolati a PFT, PF10 è migliorato con una dimensione dell'effetto di 4.0 ( P=0.0019 ).

Gli uomini trattati con Testosterone con velocità di camminata al basale di 1.2 m/s o più alta hanno avuto miglioramenti significativamente maggiori nella distanza 6MWT ( effetto del trattamento 14.2 m, P=0.0004 ) e in PF10 ( 4.9, P=0.0005 ) rispetto agli uomini trattati con placebo.

Gli uomini trattati con Testosterone che riportavano limitazioni della mobilità hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore nella distanza 6MWT ( 7.6 m, P=0.0237 ) e in PF10 ( 3.6, P=0.0018 ) rispetto agli uomini trattati con placebo.

Gli uomini nel gruppo Testosterone avevano più probabilità di percepire un miglioramento nella loro capacità di deambulazione ( PGIC ) rispetto agli uomini nel gruppo placebo, sia per gli uomini arruolati nello studio PFT ( dimensione dell'effetto 2.21, P=0.0018 ) che per quelli non-arruoalti a PFT ( 3.01, P=0.0006 ).

I cambiamenti nella distanza 6MWT sono stati significativamente associati a cambiamenti nei livelli di testosterone, testosterone libero, diidrotestosterone e concentrazioni di emoglobina.

La frequenza di cadute durante il periodo di intervento era identica nei due gruppi di trattamento dei TTrials ( 103 su 380 pazienti analizzati, 27%, in entrambi i gruppi avevano avuto almeno una caduta ).

La terapia con Testosterone ha migliorato costantemente la capacità di deambulazione auto-riferita, ha moderatamente migliorato la distanza 6MWT tra tutti i partecipanti ai TTtrials, ma non ha influito sulle cadute.
L'effetto del Testosterone sulle misure di mobilità è risultato correlato alla velocità dell'andatura di riferimento e alla limitazione della mobilità auto-riportata, e ai cambiamenti nelle concentrazioni di testosterone ed emoglobina. ( Xagena2018 )

Bhasin S et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 879-890

Endo2018 Farma2018


Indietro