Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Disturbi della tiroide e rischio di demenza


La demenza sta guadagnando attenzione nelle società che invecchiano, e si stima che abbia colpito 50 milioni di adulti in tutto il mondo nel 2020, e il 12% della popolazione statunitense potrebbe sviluppare un disturbo della tiroide nel corso della propria vita.
Ci sono stati studi limitati che hanno indagato la correlazione tra disturbo della tiroide e demenza nella popolazione asiatica.

Un ampio studio caso-controllo basato sulla popolazione a livello nazionale ha utilizzato il database NHIRD ( Taiwanese National Health Insurance Research Database ).

In totale 7.843 adulti con demenza di nuova diagnosi senza una storia di demenza o malattie neurodegenerative tra il 2006 e il 2013 sono stati identificati e inclusi nello studio. Inoltre, 7.843 adulti senza diagnosi di demenza prima della data indice sono stati abbinati per età e sesso come controlli.

Sono state identificate diagnosi di ipertiroidismo o ipotiroidismo prima della diagnosi di demenza o della stessa data indice.
I risultati sono stati aggiustati per sesso, età, storia di ipertensione, diabete, malattia coronarica, depressione, iperlipidemia, sindrome da dipendenza da alcol, tinnito, perdita dell'udito e trattamento con Iodio radioattivo.

Nello studio sono stati inclusi in totale 15.686 pazienti. Sia il gruppo di casi che il gruppo di controllo erano leggermente prevalentemente femminili ( 4.066, 51.8% ). L'età media per le persone con demenza era di 74.9 anni e per quelle senza demenza era di 74.5 anni.

Tra i pazienti di età pari o superiore a 65 anni, una storia di ipotiroidismo è stata associata a un aumentato rischio di diagnosi di demenza ( odds ratio aggiustato, aOR=1.81; P=0.011 ), un'associazione non-presente in pazienti di età superiore a 50 anni ma di età inferiore a 65 anni.
Si è scoperto che questa associazione era più significativa tra i pazienti di età pari o superiore a 65 anni con una storia di ipotiroidismo che avevano ricevuto farmaci per l'ipotiroidismo ( aOR=3.17; P=0.043 ).

Lo studio caso-controllo su larga scala ha rilevato che tra le persone di età pari o superiore a 65 anni, quelle con una storia di ipotiroidismo sono state associate a un aumento dell'81% del rischio di avere demenza e tra queste c'è stato un aumento rischio di demenza di oltre 3 volte con condizioni tiroidee che hanno richiesto un trattamento sostitutivo dell'ormone tiroideo.
Dovrebbero essere condotti futuri studi prospettici longitudinali ben controllati per chiarire questi potenziali meccanismi e relazioni. ( Xagena2022 )

Wieland DR et al, Neurology 2022; 99: e679-e687

Endo2022 Neuro2022



Indietro