Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Diabete mellito di tipo 2: Saxagliptin aggiunto a Insulina mantiene le riduzioni dei livelli di HbA1c per un periodo di 52 settimane


Sono stati presentati i risultati di uno studio clinico investigativo di fase 3b in cui l'aggiunta di Saxagliptin ( Onglyza ) al dosaggio di 5 mg alla terapia insulinica in corso ( con o senza Metformina ) ha mantenuto le riduzioni dei livelli di emoglobina glicata ( HbA1c ) nei pazienti adulti affetti da diabete mellito di tipo 2 rispetto all'aggiunta di placebo all’Insulina ( con o senza Metformina ) in un periodo da 24 a 52 settimane. Questi risultati, presentati durante il 47.esimo meeting dell’European Association for the Study of Diabetes ( EASD ) a Lisbona, sono stati ottenuti da un'estensione dello studio di 24 settimane.

Nel corso delle 52 settimane dello studio, i cambiamenti dal basale di HbA1c nei pazienti che hanno assunto Saxagliptin 5 mg in aggiunta all'Insulina ( con o senza Metformina ) è sono stati pari a -0.75% rispetto al valore di -0.38% per i pazienti che avevano assunto Insulina con placebo ( con o senza Metformina ). È stato inoltre rilevato un maggior incremento dal basale della dose media giornaliera di Insulina nei pazienti che hanno ricevuto il placebo rispetto a quelli trattati con Saxagliptin 5 mg ( con o senza Metformina ).

Lo studio di fase 3b, multicentro, randomizzato, placebo-controllato, a doppio cieco di 24 settimane ha avuto un'estensione a 28 settimane. L'endpoint primario a 24 settimane è stata la variazione rispetto al basale della media di HbA1c di Saxagliptin 5 mg aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ), rispetto al placebo aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ). Lo studio ha raggiunto l'endpoint principale, dimostrando che Saxagliptin 5 mg aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ) ha raggiunto una riduzione statisticamente significativa di HbA1c rispetto al basale di -0.75%, confrontato con il valore -0.38% ( p-value inferiore a 0.0001 ) per chi ha ricevuto il placebo aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ). L'obiettivo complessivo dell'estensione è stato determinare i profili di sicurezza e di efficacia a lungo termine di Saxagliptin in un periodo di 52 settimane. Le misure di efficacia hanno incluso: le variazioni rispetto al basale di HbA1c, la dose giornaliera media di insulina totale ( MTDDI ), la percentuale di pazienti che hanno raggiunto la risposta glicemica di HbA1c inferiore a 7%, e il peso corporeo. Data la natura esplorativa di questo studio, la significatività statistica dei test non era stata pre-specificata nel piano di analisi statistica; tuttavia, per la valutazione dell'efficacia primaria ( variazione rispetto al basale di HbA1c ), è stata condotta un'analisi post-hoc sulla significatività.

Lo studio ha incluso 455 pazienti con diabete mellito di tipo 2 ( età 18 – 78anni ), con un inadeguato controllo glicemico ( livelli HbA1c maggiori o uguali a 7.5% e maggiori o uguali a 11%; HbA1c basale media uguale a 8.7% ) che hanno ricevuto una dose stabile di Insulina ( con o senza Metformina ). I pazienti sono stati selezionati casualmente per ricevere Saxagliptin 5 mg aggiunto a Insulina ( n=304 ) o placebo aggiunto a Insulina ( n=151 ) una volta al giorno per 52 settimane. Durante il periodo iniziale di 24 settimane, i pazienti sono stati avvertiti di mantenere dosi stabili d'Insulina, che poteva essere diminuita per ridurre il rischio di ipoglicemia. I pazienti affetti da iperglicemia o con Insulina sostanzialmente aumentata, hanno ricevuto una visita di soccorso e sono rimasti nello studio con un regime flessibile di Insulina. Durante il periodo di estensione, tutti i pazienti sono stati in grado di adottare un regime di Insulina flessibile. Il 69% dei pazienti sono stati trattati con Metformina, e la dose non poteva essere modificata nello studio.

Dei 455 pazienti inizialmente randomizzati e trattati nello studio, 371 pazienti hanno completato l'estensione ( 81% dei pazienti nel gruppo Saxagliptin aggiunto a Insulina, e 83% dei pazienti nel gruppo placebo aggiunto a Insulina, fra quelli originalmente trattati ).

Durante il periodo di 52 settimane, i pazienti che hanno ricevuto Saxagliptin 5 mg aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ), rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il placebo aggiunto a Insulina ( con o senza Metformina ) hanno mostrato quanto segue:

a) riduzione costante nel tempo dei livelli di glicemia nell'arco di 52 settimane nell'HbA1c dal basale: -0.75% vs -0.38% ( p uguale o inferiore a 0.0001, n=244, basale 8.67% per Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina; n=124, basale 8.66% per il placebo aggiunto all'Insulina ). Una riduzione simile dell'HbA1c è stata rilevata per i pazienti che assumevano o meno Metformina al basale;

b) l'aumento della dose giornaliera totale media di Insulina rispetto al basale è stato di +5,67 unità/giorno vs +6,67 unità/giorno.

c) tra i pazienti trattati con Saxagliptin 5 mg, il 21.3% ha ottenuto una risposta glicemica terapeutica di HbA1c inferiore a 7%, mentre tra i pazienti trattati con placebo, l'8.7% ha ottenuto una risposta glicemica terapeutica di HbA1c inferiore a 7%;

d) gli incrementi nelle modifiche ponderali medie dal basale sono stati pari a 0.8 kg per Saxagliptin 5 mg vs 0.5 kg per il placebo ( n=246, basale 87.7 kg per Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina; n = 125, basale 86.2 kg per il placebo aggiunto all'Insulina ).

La maggior parte dei pazienti ha completato lo studio fino alla settimana 52 ( rispettivamente l'81% e l'83% dei pazienti nei gruppi Saxagliptin e placebo ).

Nel corso delle 52 settimane di trattamento, il 66.4% del gruppo dei pazienti che aveva assunto Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina ha rilevato almeno un evento avverso rispetto al 71.5% del gruppo placebo aggiunto all'Insulina.

L'ipoglicemia è stata riferita nel 22.7% dei pazienti del gruppo che aveva assunto Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina, rispetto al 26.5% del gruppo trattato con placebo aggiunto all'Insulina, con una ipoglicemia confermata rispettivamente del 7.6% e del 6.6%. L'ipoglicemia confermata è stata definita come sintomi ipoglicemici associati alla misurazione della glicemia, tramite fingerstick, inferiore o uguale a 50 mg/dL al momento dell'evento.

Gli altri eventi avversi più comuni ( con un'incidenza maggiore o uguale a 5% per Saxagliptin 5 mg ) per il gruppo che aveva assunto Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina ( con o senza Metformina ), rispetto al gruppo trattato con placebo aggiunto all'Insulina ( con o senza Metformina ): infezioni delle vie urinarie ( 7.9% vs 7.9% ), rinofaringiti ( 6.3% vs 6.6% ), infezioni delle vie respiratorie superiori ( 6.3% vs 7.3% ), cefalea ( 5.9% vs 4.0% ), bronchite ( 5.3% vs 3.3% ).
Venticinque ( 8.2% ) pazienti del gruppo trattato con Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina hanno riferito almeno un grave evento avverso rispetto ai 13 ( 8.6% ) del gruppo trattato con placebo aggiunto all'Insulina. Gravi eventi avversi correlati al trattamento sono stati riferiti per tre pazienti del gruppo trattato con Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina, contro nessun paziente del gruppo trattato con placebo aggiunto all'Insulina. Nel gruppo trattato con Saxagliptin 5 mg aggiunto all'Insulina, nove ( 3% ) pazienti hanno interrotto lo studio a seguito di eventi avversi, di cui quattro considerati come gravi. Nel gruppo trattato con placebo aggiunto all'Insulina, tre pazienti ( 2% ) hanno interrotto lo studio a seguito di eventi avversi, di cui zero considerati come gravi. Nel gruppo trattato con Saxagliptin aggiunto all'Insulina si sono inoltre verificati due decessi, ma entrambi gli eventi sono stati considerati come estranei al trattamento. ( Xagena2011 )

Fonte: American Diabetes Association ( ADA ) Meeting, 2011



Endo2011 Farma2011


Indietro