Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Onco News

Diabete mellito di tipo 2: nei pazienti con infarto miocardico i farmaci da preferire sono la Metformina e la Gliclazide


Una nuova ricerca ha indicato che diversi farmaci comunemente prescritti per il diabete mellito di tipo 2 potrebbero non essere così efficaci nel prevenire la morte e le malattie cardiovascolari, come infarto miocardico e ictus, come il farmaco antidiabetico per os, Metformina ( Glucophage ).

Secretagoghi dell’insulina, come la Glimepiride ( Amaryl, Solosa ), Glibenclamide ( Daonil; noto come Gliburide negli Stati Uniti e Canada ), Gliclazide ( Diamicron, Diabrezide ) e Tolbutamide ( Orinase ), sono stati utilizzati per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 dal 1950, senza, tuttavia, conoscere il rischio a lungo termine associato a questi farmaci.

La Metformina è il farmaco di prima scelta nel diabete mellito di tipo 2, ma, finora, non c’erano stati studi che avevano valutato il rischio a lungo termine dei singoli secretagoghi dell’insulina, rispetto alla Metformina.

Uno studio ha seguito un gruppo non-selezionato di persone viventi in Danimarca, di età superiore ai 20 anni, che erano state trattate con un secretagogo dell’insulina oppure con Metformina ( monoterapia ) tra il 1997 e il 2006, per un totale di 107.806 persone.

Si è riscontrato che, rispetto al trattamento con Metformina ( monoterapia ), la maggior parte dei secretagoghi dell’insulina, tra cui Glimepiride, Glibenclamide, Glipizide e Tolbutamide, era associata a un più elevato rischio di mortalità per qualsiasi causa, e a un maggiore rischio di attacchi cardiaci, ictus o mortalità per malattie cardiovascolari.

Questo ha riguardato sia i pazienti che avevano già subito un infarto miocardico sia i pazienti senza questo evento.

Altri due secretagoghi dell’insulina, Gliclazide e Repaglinide ( Novonorm, Prandin ), non hanno mostrato alcuna differenza significativa nei confronti della Metformina riguardo all’efficacia nei pazienti con e senza una storia di infarto miocardico.

Rispetto alla Metformina, i pazienti che non avevano subito un infarto miocardico avevano un rischio più elevato di morte per qualsiasi causa di circa il 20-30% se trattati con Glimepiride, Glibenclamide, Glipizide e Tolbutamide.
Nei pazienti con una storia di infarto miocardico, il rischio era più alto di circa il 30-50%.

Secondo i ricercatori, i risultati dello studio non affermano che i secretagoghi dell’insulina siano effettivamente causa di un danno, ma solo che appaiono essere meno efficaci della Metformina.

Studi precedenti avevano mostrato che i secretagoghi dell’insulina, le sulfaniluree in particolare, erano associati a una riduzione del rischio a lungo termine.
Pertanto, l’aumentato rischio mostrato in questo studio ha probabilmente evidenziato effetti benefici della Metformina, Gliclazide e Repaglinide, piuttosto che l'effetto negativo degli altri secretagoghi dell’insulina.

Questo è il primo studio che ha confrontato tutti i secretagoghi dell’insulina con la Metformina, riguardo ai possibili rischi cardiovascolari associati ai secretagoghi dell’insulina per circa tre decenni.

In conclusione, lo studio ha confermato precedenti studi che avevano dimostrato che la Metformina potrebbe essere meno pericolosa o associata a maggiori benefici rispetto alla maggior parte dei secretagoghi dell’insulina.
Lo studio ha inoltre evidenziato che vi sono importanti differenze nel rischio associato a diversi secretagoghi dell’insulina, indicando che la Gliclazide e, forse, la Repaglinide sono da preferire.
Tuttavia, nei pazienti che hanno subito un precedente infarto miocardico i farmaci associati ai maggiori benefici sono la Metformina e la Gliclazide. ( Xagena2011 )

Fonte: European Heart Journal, 2011



Endo2011 Farma2011 Cardio2011


Indietro