Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Ablazione del residuo con Iodio radioattivo per il tumore differenziato della tiroide


L'ablazione postoperatoria del residuo con Iodio radioattivo ( RAI ) per il tumore differenziato della tiroide ( DTC ) facilita la diagnosi precoce della recidiva e rappresenta una terapia adiuvante mirata alla malattia microscopica persistente.
L'attività ottimale di Iodio radioattivo nel carcinoma differenziato della tiroide a rischio basso e intermedio rimane controversa.

È stato valutato il tasso di guarigione a lungo termine di diverse attività con Iodio radioattivo nel carcinoma differenziato della tiroide a basso e medio rischio.
Gli esiti secondari includevano l'ablazione del residuo con successo, gli effetti avversi e la durata della degenza ospedaliera.

È stata eseguita una ricerca sistematica di database per identificare studi clinici randomizzati e studi osservazionali che hanno confrontato i risultati a lungo termine ( più di 12 mesi ) per il carcinoma differenziato della tiroide a rischio basso e intermedio classificati secondo l'American Thyroid Association ( ATA ) in base alla ricezione di Iodio radioattivo a bassa o alta attività dopo l'intervento.

Sono stati selezionati tutti gli studi clinici randomizzati o studi osservazionali che hanno valutato pazienti con carcinoma differenziato della tiroide a rischio basso e intermedio che sono stati trattati inizialmente con tiroidectomia totale / quasi totale, seguita da ablazione con Iodio radioattivo del residuo con attività bassa o alta.

Gli studi ammissibili dovevano presentare l'odds ratio ( OR ), il rischio relativo ( RR ) o le stime dell'hazard ratio ( HR ), gli errori standard o il numero di eventi necessari per l'esito del tasso di interesse.

La recidiva della malattia era l'esito primario. Gli esiti secondari includevano l'ablazione riuscita, gli effetti avversi e la durata della permanenza in ospedale.

In tutto 10 studi che hanno incluso 3.821 pazienti hanno soddisfatto i criteri di inclusione, con 6 studi clinici randomizzati e 4 studi osservazionali.
Non c'è stata alcuna differenza nei tassi di recidiva della guarigione a lungo termine ( RR, 0.88; P=0.50 ) o ablazione di successo del residuo ( RR, 0.95; P=0.20 ) tra Iodio radioattivo a bassa e ad alta attività.

In questa revisione sistematica e meta-analisi, lo Iodio radioattivo a bassa attività è stato paragonabile a Iodio radioattivo ad alta attività per quanto riguarda l'ablazione di successo e i tassi di recidiva. Questo indica che lo Iodio radioattivo a bassa attività è preferibile all'alta attività nei tumori differenziati della tiroide a rischio basso e intermedio a causa della sua efficacia simile ma con ridotta morbilità. ( Xagena2021 )

James DL et al, JAMA Otolaryngol Head Neck Surg 2021; 147: 544-552

Oto2021 Endo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021



Indietro