Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net
Reumatologia

Il carcinoma differenziato della tiroide aumenta il rischio di morbilità cardiovascolare


Gli adulti trattati per carcinoma tiroideo differenziato ( DTC ) hanno un aumentato rischio di morbilità cardiovascolare rispetto a quelli senza neoplasia; e l'età, il sesso maschile e le malattie cardiovascolari al momento della diagnosi oncologica sono predittori di morbilità.

Sono stati valutati i dati di adulti trattati per il carcinoma tiroideo differenziato ( DTC; n = 901 ) tra il 1981 e il 2002 in due ospedali universitari finlandesi e un gruppo di riferimento scelto in modo casuale ( n = 4.485 ) per confrontare la morbilità e la mortalità cardiovascolare a lungo termine.
Hanno anche cercato di determinare l'effetto della soppressione dell'ormone stimolante la tiroide ( TSH ) e il trattamento con radioiodio sugli esiti cardiovascolari.

Il follow-up mediano è stato di 18.8 anni per il gruppo tumore differenziato della tiroide e 19 anni per i controlli.

La morbilità dovuta a qualsiasi malattia cardiovascolare è stata maggiore nel gruppo tumore tiroideo differenziato, rispetto ai controlli ( hazard ratio, HR = 1.16, IC 95%, 1.05-1.28 ), e più membri del gruppo tumore tiroideo sono stati trattati per malattia cardiovascolare, rispetto ai controlli, durante il follow-up ( 53% versus 48% ).
Il gruppo carcinoma differenzato della tiroide presentava un rischio più elevato di aritmie ( HR=1.16, IC 95%, 1.06-1.48 ) e di fibrillazione atriale ( HR=1.29, IC 95%, 1.06-1.57 ), rispetto ai controlli.

Il rischio di morbilità dovuto a qualsiasi malattia cardiovascolare è risultato aumentato nei partecipanti di età inferiore ai 40 anni ( HR=1.27, IC 95%, 1-1.6 ), quelli di età compresa tra 40 e 59 anni ( HR=1.23, IC 95%, 1.07-1.43 ) e quelli di almeno 60 anni ( HR=1.17; IC 95%, 0.99-1.38 ) nel gruppo oncologico rispetto ai controlli corrispondenti.
Inoltre, il rischio per il trattamento ospedaliero a causa di qualsiasi malattia cardiovascolare era più alto per le donne nel gruppo tumore rispetto alle donne nel gruppo controllo ( HR=1.14, IC 95%, 1.02-1.28 ).

La mortalità complessiva non differiva tra i gruppi; tuttavia, la mortalità cardiovascolare era inferiore nel gruppo tumore rispetto ai controlli ( HR=0.73, IC 95%, 0.58-0.92 ), che potrebbe essere attribuita a una mortalità inferiore da malattia coronarica nel gruppo tumore alla tiroide rispetto ai controlli ( HR=0.69; IC 95%, 0.5-0.95 ).

Il rischio di morbilità cardiovascolare è risultato più alto nel gruppo tumore alla tiroide con livello di TSH ( media geometrica ) inferiore a 0.1 mU/L ( HR=1.27, IC 95%, 1.03-1.58 ) e quelli trattati con ablazione con RAI [ iodio radioattivo ] ( HR=1.18, IC 95%, 1.05-1.31 ), rispetto ai controlli corrispondenti.

L'età ( HR=1.04, IC 95%, 1.04-1.06 ), il sesso maschile ( HR=1.62, IC 95%, 1.19-2.22 ) e la malattia cardiovascolare prevalente alla diagnosi di tumore differenziato alla tiroide ( HR=1.68, IC 95%, 1.25-2.24 ) erano predittori di morbilità dovuti a qualsiasi malattia cardiovascolare nel gruppo tumore.

Dallo studio è emerso che il tasso di sopravvivenza dei pazienti con diagnosi di tumore è eccellente, ma il rischio di malattie cardiovascolari è aumentato tra i pazienti trattati per carcinoma differenzato della tiroide, rispetto ai controlli di pari età e sesso.
L'aumento del rischio è principalmente correlato a un aumento del rischio di fibrillazione atriale. ( Xagena2017 )

Fonte: Clinical Endocrinology, 2017

Endo2017 Onco2017 Cardio2017



Indietro