OncoGinecologia.net
Reumatologia
Neurologia

Associazione tra mutazione BRAF V600E e ricorrenza di cancro papillare della tiroide


È stato valutato il valore prognostico della mutazione BRAF V600E per la ricorrenza del cancro papillare della tiroide in uno studio multicentrico retrospettivo sul rapporto tra mutazione BRAF V600E e recidiva di tumore papillare della tiroide in 2.099 pazienti ( 1.615 donne e 484 uomini ), con un'età media di 45 anni e un tempo di follow-up mediano di 36 mesi.

La prevalenza complessiva della mutazione BRAF V600E è stata del 48.5% ( 1.017 su 2.099 ).

La recidiva di cancro papillare della tiroide si è verificata nel 20.9% ( 213 su 1.017 ) dei pazienti positivi a mutazione BRAF V600E e nell’11.6% ( 125 su 1.082 ) dei pazienti negativi a mutazione BRAF V600E.

I tassi di recidiva sono stati 47.71 vs 26.03 per 1.000 anni-persona nei pazienti positivi a mutazione BRAF rispetto ai pazienti negativi ( P minore di 0.001 ), con un hazard ratio ( HR ) di 1.82, che è rimasto significativo in un modello multivariato aggiustato per sesso del paziente ed età alla diagnosi, centro medico, e vari fattori patologici convenzionali.

Una significativa associazione tra mutazioni BRAF e recidiva di cancro papillare della tiroide è stata trovata anche in pazienti con malattia convenzionalmente a basso rischio in stadio I o II e micro – tumore papillare della tiroide e all'interno di vari sottotipi di tumore papillare della tiroide.

Ad esempio, nella variante follicolare di cancro papillare della tiroide positiva alla mutazione BRAF rispetto alla variante negativa, si è verificata recidiva nel 21.3% ( 19 su 89 ) e 7.0% ( 24 su 342 ) dei pazienti, rispettivamente, con tassi di recidiva di 53.84 vs 19.47 per 1000 anni-persona ( P minore di 0.001 ) e hazard ratio di 3.20 dopo aggiustamento per i fattori clinico-patologici.

La mutazione BRAF era associata a una più scarsa probabilità di libertà da recidive nelle analisi di sopravvivenza di Kaplan-Meier in varie categorie clinicopatologiche.

In conclusione, questo ampio studio multicentrico ha dimostrato un valore prognostico indipendente della mutazione BRAF V600E per la recidiva di cancro papillare della tiroide in varie categorie clinicopatologiche. ( Xagena2015 )

Xing M et al, J Clin Oncol 2015;33:42-50

Endo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro